Fino al 30 marzo sarà possibile far richiesta dei buoni spesa per alleggerire le conseguenze della pandemia

Secondo avviso per l’individuazione dei beneficiari di misure urgente di solidarietà alimentare ed utilizzo delle risorse stanziate di cui al D.L. n. 154 del 23.11.2020 – ex ordinanza Protezione Civile n. 658 del 29.03.2020 – per soddisfare le necessità più urgente ed essenziali con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico.

Le domande potranno essere presentate dal 18 gennaio al 30 marzo 2021 ore 13.00.

 Art. 1 – Finalità dell’intervento

L’Unione Colline Matildiche, secondo quanto previsto dal Decreto Legge n.154 del 23 novembre 2020 per aiutare i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e contrastare l’insorgenza di nuove povertà intende erogare, in forma straordinaria e temporanea, buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari (esclusi bevande superalcoliche e prodotti di alta gastronomia) e prodotti di prima necessità da utilizzare presso gli esercizi commerciali dei 3 Comuni appartenenti all’Unione che hanno già aderito.

 Art. 2 – Destinatari

Il presente Avviso è rivolto a tutti i cittadini residenti nei comuni dell’Unione Colline Matildiche che versano in uno stato di necessità temporanea dovuta alle misure restrittive emesse per l’emergenza epidemiologica, che si trovano in una situazione economica di difficoltà con un Valore ISEE del nucleo familiare ordinario oppure corrente ottenuto nel 2021 fino ad € 10.000,00 (valore massimo).

Art. 3Requisiti per l’assegnazione dei benefici economici

Possono accedere ai Buoni Spesa le persone e nuclei residenti nei Comuni di Albinea, Quattro Castella e Vezzano sul Crostolo con valore Isee ordinario oppure corrente ottenuto nel 2021 fino a 10.000,00 euro (valore massimo) che si trovano almeno in una delle seguenti situazioni di bisogno a causa dalla emergenza sanitaria in atto (COVID-19):

  • perdita totale di reddito da lavoro dipendente o da lavoro autonomo o libero professionale, commercio, ecc., per tutto il nucleo famigliare, a causa delle norme restrittive emanate per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  • riduzione del reddito complessivo famigliare a causa di Cassa integrazione, chiusura delle attività imprenditoriali professionali o commerciali, ecc. o riduzione di esse, a causa delle norme restrittive emanate per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  • condizione di non essere assegnatario dell’indennità di disoccupazione o di percepire indennità di disoccupazione tale da determinare la mancanza di mezzi economici per assicurare a sé e alla propria famiglia beni di primissima necessità;
  • l’impossibilità di percepire reddito derivante da prestazioni occasionali/stagionali o intermittenti a causa dell’obbligo di permanenza domiciliare con sorveglianza sanitaria o per effetto della contrazione delle chiamate;
  • pensionati con pensione procapite non superiore ad euro 600,00 netti mensili (le richieste dei pensionati saranno valutate solo a chiusura del bando, qualora vi siano ancora risorse disponibili).

I richiedenti e i componenti del loro nucleo famigliare non devono essere percettori di altri redditi derivanti da proprietà di ulteriori unità immobiliari oltre alla casa di abitazione.

Art. 4 – Criteri di priorità per l’assegnazione del buono

I buoni spesa saranno assegnati prioritariamente a coloro che non ne hanno mai beneficiato nell’anno 2020 e fino ad esaurimento delle risorse a disposizione se presente almeno 1 criterio di priorità, oltre al possesso dei requisiti specificati agli art. 2 e 3 :

a) nuclei familiari con minori in carico,
b) presenza in famiglia di persone con disabilità/invalidità certificata,
c) mancanza di altri sussidi pubblici,
d) Isee del nucleo familiare ordinario oppure corrente ottenuto nel 2021 inferiore a € 5.000,00.

Le richieste dei pensionati e di coloro che avevano beneficiato del buono spesa nell’anno 2020 saranno valutate solo a chiusura del bando, qualora vi siano ancora risorse disponibili.

Art. 5 – Criteri per la determinazione del buono

L’Entità del buono alimentare (il cui limite massimo è di euro 400,00) sarà così determinato, fatte salve eventuali altre valutazioni sociali :

  • 1 componente : buono alimentare pari ad euro 150
  • 2 componenti: buono alimentare pare ad euro 250
  • 3 componenti: buono alimentare pari ad euro 300
  • 4 componenti: buono alimentare pari ad euro 350
  • 5 componenti ed oltre: buono alimentare pari ad euro 400

Il beneficio economico sarà erogato tramite appositi buoni spesa spendibili negli esercizi commerciali indicati dall’Unione Colline Matildiche. In caso di utenti non autosufficienti o con obbligo di permanenza domiciliare (persone in quarantena o risultate positive al covid-19) i buoni saranno consegnati da volontari Croce Rossa.

 Art. 6 – Modalità e tempi di presentazione delle richieste

La domanda deve essere presentata compilando il modulo di cui all’allegato 1) del presente avviso che dovrà essere (pena l’esclusione dal beneficio) compilato correttamente in tutte le voci indicate. Il modulo potrà essere trasmesso con le seguente modalità:

  • tramite fax al n. 0522-247817
  • di persona consegnandola negli ingressi dei Comuni di Albinea, Quattro Castella e Vezzano sul Crostolo ove saranno predisposti appositi contenitori e presso l’ingresso degli uffici ammnistrativi dell’Area Sociale (v. F.lli Cervi 4- Montecavolo)

Per coloro che fossero impossibilitati ad utilizzare le modalita’ suddette (ad es. persone in quarantena o risultate positive al covid-19) la domanda puo’ essere effettuata telefonicamente chiamando ai n. 0522-247816 – n. 0522-247811.

Le domande potranno essere presentate dal 18 gennaio 2021 e fino alle ore 13,00 del 30 marzo 2021.
Il bando potrà essere chiuso anticipatamente, rispetto alla scadenza del 30 marzo, qualora vengano esaurite le risorse economiche con la concessione dei buoni spesa rilasciati alle domande pervenute in precedenza.

Ogni 15 giorni, infatti, verranno esaminate e liquidate solamente le domande aventi i requisiti e contenenti almeno uno dei criteri di priorità di cui all’art. 4 del presente bando, al fine del rilascio in tempi brevi del buono spesa (ad es. domande arrivate entro gennaio, saranno valutate entro metà  febbraio, domande pervenute a febbraio saranno valutate entro metà mese e a fine mese, ecc.). Tutte le restanti domande verranno valutate solamente a chiusura bando (marzo 2021) e liquidate in caso di rimanenza di risorse economiche disponibili.

Pubblicato in Notizie