Buon cammino Vezzano!

Cari amici, voglio salutarvi e ringraziarvi.

A maggio concluderò il mio mandato da Sindaco di Vezzano sul Crostolo, iniziato oramai 10 anni or sono. E’ stata una bellissima esperienza umana e politica, di cui ancora vi ringrazio. Spero di avere interpretato il mio ruolo nel migliore dei modi e comunque ho fatto ciò che era nelle mie possibilità e nelle possibilità del Comune stesso. Un’esperienza vorrei primariamente sottolineare di gruppo, condivisa innanzitutto con i consiglieri di maggioranza, coi professionisti che lavorano in Comune, ed infine con tutti voi cittadini di Vezzano.

Avremmo voluto o forse dovuto nei mesi scorsi tracciare un bilancio di questa esperienza, attraverso un opuscolo. Ma c’è mancato il tempo, presi come tutta quanta l’Amministrazione a cercare di finire le tantissime cose iniziate ed ancora in corso. Ed a rispondere alla quotidianità. Cerco ora in poche righe di supplire a questa mancanza. So già che non citerò tutte le iniziative e mi scuso fin d’ora.

OPERE PUBBLICHE E INFRASTRUTTURE

Dal punto di vista urbanistico e programmatorio nei primi anni abbiamo costruito e approvato il PSC Piano Strutturale Comunale, tra i primi a “cubatura zero” che ha fatto da cornice e programmazione non solo ai vari interventi, ma a tutta l’azione di governo.

A Vezzano: i rifacimenti e restyling di Piazza della Libertà e Piazza della Vittoria, demolizione della vecchia sede Avis; risistemazione di Via Roma lato negozi e parcheggi in centro lungo la SS63; costruzione ed apertura di Via Frassati; abbattimento barriere architettoniche marciapiedi Via Roma sud lato chiesa; manutenzione straordinaria cimitero; la recente ristrutturazione ed ampliamento delle Scuole elementari e medie; la ristrutturazione del Mulino Boni; la nuova Ludoteca annessa alla biblioteca; il rifacimento del tetto della Palestra Comunale con installazione di pannelli fotovoltaici; la Ciclopedonale del Crostolo dallʼEcoparco a Via Vendina, messa in sicurezza e pedonalizzata, e successivo ampliamento fino a Puianello (oltre 6 km); sistemazione Parco SantʼAntonio; creazione e sistemazione del Parco Paride Allegri; lʼarea sgambamento cani; ampliamento zona sportiva con un nuovo campo da basket, uno skate park, ping-pong e pista polivalente tennis/calcetto/pallavolo; ristrutturazione campo sportivo e spogliatoi annessi e nuovo sistema adduzione acqua; distributore acqua pubblica; rotonda SS63; messa in sicurezza e nuovo marciapiede zona caseificio SS63; nuova sede Protezione Civile con bonifica e riqualificazione area e rifacimento tetto magazzini; percorso ciclopedonale via al Palazzo; realizzazione per riscossione fideiussioni di tre urbanizzazioni (Via Martelli e Via M.L.King); rifacimento impianto fognario Sedrio e Zona Industriale; riorganizzazione parcheggio Pinetina; costruzione nuova area sosta camper; marciapiedi SS63/Via XXV aprile; progetto di manutenzione forestale dellʼintero Parco.

A La Vecchia: messa in sicurezza e nuova viabilità Zona artigianale; ristrutturazione Scuola elementare; sistemazione viabilità Via Dalla Chiesa; percorsi pedonali Via Pigoni e Via Dalla Chiesa; ampliamento cimitero; rifacimento Via IV Novembre; nuovo impianto illuminazione parcheggio Chiesa e completamento marciapiede con messa in sicurezza area; ristrutturazione Centro Tricolore, sede Polisportiva e pista polivalente; ristrutturazione Monumento de La Bettola e area circostante; conclusione e risistemazione urbanizzazione Via Caʼ de Cesari; ampliamento cimitero Paderna, ripristino strada Chiesa Paderna.

A Pecorile: ristrutturazione ex Scuole e apertura Bar/ristorante; ristrutturazione e riapertura Ambulatorio Medico; sistemazione e messa in sicurezza Parchetto matildico; nuovo impianto depurazione fognario Case Martini; messa in sicurezza abitato Via Monte; manutenzione straordinaria Cimitero.

A Montalto: ristrutturazione alloggi popolari; ampliamento illuminazione pubblica Casaratta; sistemazione parcheggio Cimitero; completamento aree esterne Polisportiva.

A questa vanno aggiunte le varie manutenzioni ordinarie e straordinarie, soprattutto legate a dissesti idrogeologici, anche in collaborazione e in convenzione col Servizio Tecnico di Bacino e la Bonifica dell’Emilia Centrale, che hanno interessato in continui interventi anche rilevanti ed estesi, sia il Crostolo che i torrenti Cesolla e Campola, in difese spondali e pulizie. E interventi straordinari su strade e terreni, in particolare a Pecorile: Pedergnano, Via Canossa Case Martini, il Monte, strada Provinciale Melano Paderna; a Montalto: Via Monchio, Via Piana, Via Vindè, Via Monte Croce; a La Vecchia: alveo Fiumicello a Pollecchia, SS63 a monte e a valle dellʼabitato; a Vezzano in Via Roma Sud, Via Mozzone e più recentemente sul rio Rocca a Campo Bignano. Solo per elencare i maggiori.

Un’ulteriore importante attività ha riguardato la soluzione a diverse pratiche legate ad urbanizzazioni e a passaggi di proprietà che nei decenni erano rimaste inevase. Si pensi solo allʼacquisizione al patrimonio pubblico dei marciapiedi a Vezzano, oltre duecento casi, o Via Tintoria. Sottolineiamo inoltre lʼattività straordinaria di esumazioni ed estumulazioni.

PROGETTI IN ESSERE

Vi sono inoltre alcuni progetti, molti dei quali già interamente finanziati, che lasciamo ai nostri successori:

  • Ristrutturazione interna Mulino Boni, finanziato per 200.000€ attraverso vendita azioni Iren, i cui lavori inizieranno in estate;
  • Messa in sicurezza di Via 1° Maggio a La Vecchia/ Paderna con fondi ministeriali pari a 50.000€, con inizio lavori maggio 2019;
  • Progetto ‘Giubileo della Luce’ finanziato dal Ministero dell’Ambiente per 100.000€, riguardante la sistemazione ed illuminazione della vecchia chiesa e cimitero di Montalto e zone attinenti. Inizio lavori estate 2019.
  • Parco del Gesso: messa in sicurezza e fruibilità, attraverso l’escussione avvenuta alcuni giorni orsono di 254.000€ ca. di fideiussione. Progettazione in corso in collaborazione con Agenzia Protezione Civile regionale e Provincia.
  • Sistemazione strade pubbliche e movimenti franosi, regimazione idraulica rii minori; lavori per un importo di 52.000€ da parte della Bonifica Emilia Centrale da realizzarsi nel 2019.
  • Intervento messa in sicurezza zona sportiva e zona cimiteriale a La Vecchia, progettato e finanziato da Protezione Civile Emilia-Romagna per 45.000€: inizio lavori autunno 2019.
  • Campo sportivo comunale. 60.000€ per l’annualità 2021 per la sostituzione del sistema illuminante.
  • Progetto Luce: rinnovamento di tutto il parco illuminante pubblico comunale, da finanziarsi attraverso gara da parte di privati.
  • Progetto per manutenzione ambientale della Pinetina, secondo lotto: partecipazione a bando regionale.
  • Progetto “Casa di Montalto”: cohousing per persone anziane autosufficienti, in collaborazione con la RSA Le Esperidi de La Vecchia.

PROMOZIONE DEL TERRITORIO

Tra le maggiori iniziative e attività: il sostegno al Cammino di San Pellegrino; creazione e coordinamento interregionale della Via Matildica del Volto Santo; Vezzano la tua Valle: programma annuale di camminate, oggi alla settima edizione, tra i primissimi in provincia. Il sostegno alle attività della Federazione Regionale Skyrunning, che ha sede nella nostra Biblioteca; varie iniziative sorte successivamente tra cui il Trial Marathon, San Martino Trail, che fanno tutte insieme di Vezzano oggi un “hub per le attività outdoor e il turismo lento”. Il rilancio dell’Ecoparco. Organizzazione e/o promozione alle varie Feste sul territorio che, nonostante i problemi organizzativi sempre maggiori creatisi a seguito dei regolamenti sulla sicurezza sempre più restrittivi, siamo riusciti comunque a realizzare. E poi la partecipazione a vari progetti di valorizzazione territoriale a cui abbiamo aderito: Paesaggi protetti matildici, MAB Unesco dellʼAppennino tosco-emiliano, Area di produzione Spergola, Piano Strategico Area Matildica.

SICUREZZA

Posizionamento delle prime telecamere sul territorio, fisse e mobili, e attività di formazione e prevenzione con la cittadinanza, in collaborazione con la Polizia Municipale e lʼArma dei Carabinieri.

SCUOLA

La scuola credo possa essere considerata la regina delle nostre attività. Ad essa infatti sono state dedicate le maggiori risorse, sia per gli investimenti succitati, che in parte corrente, in particolar modo alle Scuole Materne private, con sostegni pro alunno tra i maggiori in provincia. Così come nel sostegno agli alunni diversamente abili. Inoltre il CEP Centro Educativo Pomeridiano, gratuito per le famiglie. E i vari fondi per attività di formazione ed extra curriculari: teatro, ambiente, sport, Memoria, etc.

CULTURA

Sulla cultura il lavoro svolto sulla Memoria ha portato il nostro comune alla notorietà non solo provinciale. Innanzitutto il Progetto “Un nome, un volto, una storia”, oggi al 5° anno, con le scuole medie (cartelli stradali La Bettola, progetti monumento, percorso della Memoria, etc.) e la relativa pagina sul sito di Istoreco con materiale didattico e video. I Viaggi della Memoria: 3 con i cittadini a Monaco/Dachau, Mauthausen e SantʼAnna di Stazzema; e 4 con le scuole a: Praga, Lione, Strasburgo, Trieste/Lubiana. Il conferimento della Cittadinanza Onoraria a Liliana Delmonte, che ci ha accompagnato in molte di queste attività. Le due riedizioni del libro sullʼEccidio de La Bettola, nel 2014 e nel 2018. Il Libro “Razza di Stato”. La colonnina storica nella zona del monumento in collaborazione con ANPI. L’organizzazione annuale del Giorno della Memoria, della Giornata in ricordo delle vittime della Mafia e le Commemorazioni a La Bettola. Ed infine il Patrocinio allo stupendo film “La rugiada di San Giovanni” di Christian Spaggiari. A queste vanno aggiunte le iniziative legate alla Memoria locale. In particolare: mostra e relativa pubblicazione “La terra, lʼacqua, la fatica, la memoria”; patrocinio e presentazione libri fotografici tra cui Il Paese Pecorile e Il Paese Montalto; e le varie mostre e iniziative nelle Fiere annuali. Le tantissime iniziative svolte in Biblioteca: BiblioDays; corsi di lingua e di informatica; Primavera/Estate/Halloween/Natale in Biblioteca; presentazione libri. La Scuola Comunale di Musica col saggio in piazza.

SOCIALE

Nel campo del sociale innanzitutto il conferimento dei Servizi Sociali in Unione e le varie attività ad esso seguite, soprattutto la Costruzione e apertura della Casa della Salute, che giungerà nei prossimi mesi al suo completamento. Il Centro famiglie, che ha compiuto 10 anni! L’aumento di 12 posti convenzionati in RSA. Il Progetto Open Lab, di ascolto e coinvolgimento delle varie realtà territoriali. Il sostegno e la promozione al volontariato ed alle associazioni locali, anche in merito ad iniziative di solidarietà, attraverso anche la “Festa delle Associazioni”. I progetti “Il mio futuro è il tuo futuro”, “Al volo”, “Younger Card” e “Sportello Informa Giovani” di coinvolgimento dei giovani. Le molteplici attività legate allo Slot Free contro le ludopatie. La distribuzione sul territorio di 10 defibrillatori, tra i primi comuni e con maggior numero di impianti x abitante a livello nazionale. La riorganizzazione del trasporto anziani e disabili. Lʼaccoglienza di giovani richiedenti asilo. La Campagna Donazione Organi e quella sul Testamento biologico. Lʼattivazione dei lavori socialmente utili, anche in convenzione col Tribunale. L’apertura del SAP a Vezzano. Le numerose campagne informative sulla Salute.

AMBIENTE

Tantissime le iniziative sul tema Ambiente, anche in collaborazione con le associazioni locali ed Iren. In particolare volte a promuovere la raccolta differenziata dei rifiuti, con implementazione della Raccolta Differenziata “spinta”. Lʼadozione del PAES (Piano dʼazione per l’Energia Sostenibile) allʼinterno della campagna Europea Patto dei Sindaci. “Un albero ogni nato”: messa a dimora di oltre 500 piante. Lʼannuale partecipazione a MʼIllumino di meno; la promozione del trasporto elettrico col noleggio di mezzi comunali; “VotivA+” luci votive a led; il rilancio delle attività dellʼEcoparco. Le attività di sostegno, in/formazione di Protezione Civile, in particolare di Antincendio Boschivo, divenendo sede sovracomunale per la collina reggiana.

SPORT

Per quanto riguarda lo Sport, oltre allʼingente sforzo infrastrutturale, citiamo il continuo e rilevante sostegnoalle attività delle associazioni locali e a quelle scolastiche. Nel nostro cuore e nella storia del nostro paese ricorderemo sempre le due promozioni, in prima Categoria e poi in Promozione, dellʼUS Vezzano.

EUROPA

Termino col recente Patto di Amicizia con il comune tedesco di Friolzheim, che ha riscosso grande interesse e partecipazione da parte di tutta la comunità e dell’intero Consiglio Comunale. Unʼopportunità di conoscenza e scambio verso l’Europa.

UFFICI E SERVIZI

  • A questo naturalmente va aggiunto il continuo lavoro organizzativo interno che ha coinvolto la struttura. In parte dovuto alle continue modifiche legislative che negli anni hanno aumentato a dismisura i compiti dei Comuni, in parte dovuto alla volontà di creare una struttura moderna ed efficiente. Eʼ operativa la completa digitalizzazione degli atti amministrativi con sottoscrizione digitale e conservazione. Dal 2018 è attivo il rilascio della Carta dʼidentità elettronica ed è stato completato il trasferimento dei dati anagrafici su ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente).

Sono doverosi quindi i ringraziamenti a tutti gli operatori, passati e presenti, che con la loro professionalità e il lavoro quotidiano hanno contribuito in modo fondamentale alla realizzazione di quanto sopra elencato. Un grazie sincero e di cuore. Una citazione allʼArch. Angelo Dallasta, responsabile dellʼUfficio Tecnico, che ci ha accompagnato fin dallʼinizio.

CONCLUSIONI

Fare il Sindaco certo non è stato facile. Ancor più in un piccolo comune come è Vezzano sul Crostolo. In questi ultimi cinque anni ho partecipato alla Consulta Nazionale dei Piccoli Comuni dellʼANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) in rappresentanza dell’Emilia-Romagna, cioè dei comuni con meno di 5000 abitanti, ed ho potuto verificare come le problematiche strutturali siano comuni.

  • La burocrazia. Ogni anno in aumento.
  • Personale. Vezzano ha pochi addetti. Meno di un dipendente ogni 200 abitanti, quando la media in Italia è di 1 a 70 abitanti, e Reggio Emilia 1 a 100. Si possono quindi capire le difficoltà anche di noi amministratori che abbiamo dovuto e voluto supplire col nostro impegno e dedizione a questo deficit strutturale.
  • Situazione economica. Il comune di Vezzano, per ragioni storiche ed urbanistiche/sociali, ha poche risorse, sia per gli investimenti che soprattutto per la parte corrente. Ci si è quindi dedicati alla ricerca di cofinanziamenti da altri enti pubblici, dando la priorità aquei progetti che li avessero ottenuti: Stato, Regione, Provincia, USL, Iren, Bonifica Emilia Centrale, Anas ed altri enti. Parliamo in questi anni di diversi milioni di Euro. E lasciando dopo dieci anni lʼindebitamento procapite inalterato e tra i più bassi in Italia.
  • Tasse: in questi anni abbiamo cercato di non innalzarle, o comunque contenerne gli aumenti. Per la Tari sulle imprese siamo il comune più basso delle Provincia. Molti servizi sono ancora gratuiti o hanno tariffe più basse di altri comuni.
  • Unione dei comuni. Credo che abbia portato molti vantaggi. I servizi offerti sono aumentati e migliorati. Si pensi solo al sociale ed alla Casa della Salute. Di alcuni non potremmo sicuramente più farne a meno, soprattutto quelli interni, come ad esempio personale e appalti, o la Polizia Municipale.
  • Fusione. Se possiamo avere un rammarico in questi 10 anni, è quello di non essere riusciti a realizzare una fusione con altri comuni. Oltre alle incredibili opportunità finanziarie (oltre 400mila € annui per 10 anni), dobbiamo prendere atto che vi sono limiti davvero strutturali alle possibilità di sviluppo o di sopravvivenza di un comune piccolo come il nostro, che oggi solo una fusione può risolvere. Organizzativi: fare un bilancio o gestire una gara, o un servizio, per 4000 abitanti o per 9000 o 20000, ha gli stessi costi. Non solo ma un comune più grande offre maggiori possibilità professionali anche ai propri dipendenti, evitando le migrazioni e diventando attrattivi. E la qualità dei servizi passa dalla qualità dei dipendenti. Mentre la democrazia di una comunità non passa dalla dimensione del comune, ma dalla volontà di perseguirla e di viverla da parte di cittadini e amministratori.

Concludo ringraziando i miei primi collaboratori e cioè i consiglieri e gli assessori che hanno condiviso questa avventura in questi 10 anni, che io considero i primi volontari della nostra comunità. Inizio con Ilenia Rocchi che ha partecipato in qualità di assessore prima e di vicesindaco poi. E: Bergianti Alberto, Bettuzzi Giovanni, Colli Stefania, Domenichini Massimo, Gambarelli Lorenzo, Ilari Nicola, Leoni Alessandra, Leoni Giuseppe, Montecchi Nicoletta, Rossi Roberto, Sassi Devid, Spadacini Luca, Spaggiari Carla, Stazzoni Franco, Valcavi Elisa, Vinci Sebastiano.

Un ringraziamento anche ai consiglieri di opposizione per il loro fondamentale contributo e ruolo democratico: Agnesini Veronica, Bertolani Davide, Blancato Gabriella, Casini Giampaolo, Mulè Luca, Pervilli Marco, Prati Riccardo, Sassi Lorenzo, Venturi Manuela.

Citando infine ancora una volta l’amico Paride Allegri che mi disse allʼinizio del mandato “sii Sindaco e non solo Amministratore”, ecco … non so se ci siamo riusciti. Sappiate solo che ce l’abbiamo messa tutta, per fare l’uno e l’altro.

Buon cammino Vezzano!

Mauro Bigi – Sindaco

 

Pubblicato in Notizie