74° Anniversario dell’Eccidio de La Bettola per costruire memoria

Diverse le voci che risuoneranno il 23 giugno alle ore 19.00 nell’area del monumento dedicato ai caduti de La Bettola. Voci per fare memoria dell’Eccidio che, nella notte di San Giovanni del 1944, ha strappato alla vita 32 civili e 3 partigiani, uno dei più efferati atti compiuti dai nazi-fascisti in Italia.

Alla cerimonia commemorativa del 74° Anniversario dell’Eccidio de La Bettola interverrà la Vice Presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna Ottavia Soncini. Con lei si uniranno alla cittadinanza, alle associazioni, ai familiari delle vittime e ai superstiti altri Amministratori, in un atto di memoria e riflessione condivisa.

“Oggi più che mai dalla Bettola desideriamo trasmettere un messaggio di pace, dono prezioso che ci è stato affidato dai nostri padri e che dobbiamo proteggere – ha dichiarato il Sindaco Mauro Bigi. – E la Pace va costruita quotidianamente attraverso le nostre scelte personali e di comunità”.

Prosegue il Sindaco Bigi: “Una commemorazione per fare memoria dell’eredità che ci hanno lasciato le vittime dell’eccidio de La Bettola e più in generale le vittime di tutte le guerre: fratellanza, comunione d’intenti, accoglienza, valorizzazione delle differenze, devono essere gli strumenti con cui costruire L’ Europa di oggi è di domani. Un’Europa unita grazie alla quale da oltre 70 anni i nostri paesi sono in pace”.

La cerimonia si aprirà con l’arrivo dei partecipanti alla camminata “Sui passi della memoria da Cervarolo a La Bettola” promossa dall’ANPI Provinciale con le Sezioni ANPI e le Amministrazioni Comunali di Vezzano sul Crostolo, Villa Minozzo, Carpineti nonché da UISP Escursionisti montagna. Due giornate di cammino per riflettere lungo i sentieri che attraversano i luoghi della memoria di cui è disseminato il nostro appennino.

Oltre agli interventi delle autorità, prenderanno la parola gli studenti delle classi 3° della scuola media Manini di Vezzano per illustrare il frutto del loro lavoro realizzato nell’ambito della 4° edizione del progetto “Un nome, un volto, una storia” coordinato da Istoreco.

Tra gli interventi anche quello di Matthias Durchfeld e Massimo Storchi che presenteranno la riedizione del libro “La Bettola: la strage della notte di San Giovanni” e l’attivazione di una pagina web dedicata al progetto su La Bettola, entrambe realizzate grazie al contributo di IREN.

“Molto è stato fatto in questi anni per ricordare le vittime della strage de La Bettola , grazie soprattutto al lavoro e all’impegno di realtà attive come ANPI e Istoreco nonché grazie all’attenzione e alla sensibilità crescente delle istituzioni scolastiche – ha dichiarato il Vice Sindaco Ilenia Rocchi. – Con loro in questi anni abbiamo collaborato per rendere concreta e tangibile la memoria dell’eccidio, per stimolare i giovani a conoscere i fatti storici, ad analizzarli e a contestualizzarli, Per aiutarli ad utilizzare queste conoscenze come strumento per elaborare un proprio spirito critico, per renderli capaci di individuare anche nel presente atteggiamenti e derive pericolose”.

 

Pubblicato in Notizie